abitare il corpo 

342.36.05.262

Questo percorso si rivela di grande utilità

a chiunque voglia acquisire una maggiore consapevolezza

degli strumenti a nostra disposizione, al fine di migliorare

la qualità della vita nelle varie sfaccettature che la caratterizzano

(lavorativa, affettiva, relazionale, sentimentale)

 

 

Body Expression

 

“Il linguaggio del corpo non mente”

Alexander Lowen

 

Il corpo è l’unica parte di noi ad essere imprescindibilmente nel qui ed ora, se la mente infatti girovaga costantemente in un oceano di pensieri, il corpo è per sua natura un’ancora nel presente.  E’ il nostro principale mezzo di comunicazione, immediato, diretto, che non conosce le barriere della parola, della lingua, dell’appartenenza. Il corpo esprime senza indugio, istintivamente, una condizione emotiva, in un linguaggio spesso da noi stessi non pienamente compreso.

I lavori di espressione corporea hanno dunque il compito di riportarci a questa istintiva espressione, all’autentica reazione tradotta in posture, intenzioni di movimento, gestualità delle esigenze espressive della nostra dimensione interiore. Nell’era della comunicazione digitale e della frenetica risposta agli stimoli di tutti i generi, lavorare sul linguaggio istintivo del corpo vuol dire ripristinare un contatto con la parte creativa di ciascuno di noi, la parte più originale che esalta l’aspetto relazionale e comunicativo piuttosto che quello della “prestazione” al quale si associa generalmente ciò che riguarda il movimento. Infine, nella pratica di espressione corporea, spesso si predilige il lavoro di coppia, poiché entrare in relazione con l’altro aumenta inevitabilmente il grado di consapevolezza di noi stessi.

 

Gravity

 

Il concetto di radicamento è uno dei concetti fondamentali quando si parla di consapevolezza e propriocezione. Essere radicati vuol dire essere in contatto con la terra, avere consapevolezza della base sulla quale poggiamo e da dove partire per svilupparci. La natura ci insegna che l’albero più alto è quello che ha le radici più profonde. Radicarsi al suolo vuol dire prendere coscienza di esserci e di voler quindi crescere nella piena responsabilità del proprio cammino. Per intraprendere questo cammino di radicamento occorre partire da noi stessi, dal rapporto con il suolo, dalla percezione del proprio peso per fare in modo che il pavimento diventi un supporto fondamentale, una forza propulsiva. Il suolo diviene così sostegno, mezzo di visualizzazione del proprio scheletro per percepire sensazioni mature e reali del nostro corpo. Il lavoro al suolo ci permette di entrare in contatto con la forza di gravità offrendoci mezzi utili per arrenderci ad essa ma anche per saperla sfruttare come spinta per l’azione, stimolando fortemente la consapevolezza del peso del corpo e del suo centro come fonte energetica e motore dal quale nasce e si proietta ogni movimento nello spazio.

 

                                                                                                             Visualizations

 

Le visualizzazioni guidate comportano l’utilizzo dell’immaginazione per generare un’esperienza sensoriale come ad esempio promuovere e generare benessere fisico e mentale.

Tramite l’utilizzo delle visualizzazioni si induce nella persona uno stato di profondo rilassamento e, utilizzando un percorso di immagini mirato, facilita nella persona l’emersione di contenuti di carattere inconscio che si manifestano attraverso emozioni, gestualità, sensazioni. I benefici che si possono ottenere utilizzando le visualizzazioni comprendono la riduzione dei livelli di ansia di stress, il miglioramento della gestione della rabbia e il miglioramento della percezione del proprio corpo e il rapporto con la propria immagine corporea.